Esami per il colesterolo in farmacia: sono affidabili?

Già da diversi anni gli esami per il colesterolo in farmacia si sono affermati come un’alternativa veloce agli esami in laboratorio. Molti di voi si staranno domandando se gli esami per il colesterolo in farmacia siano affidabili o meno, ovvero se abbiano la medesima accuratezza di quelli svolti in laboratori specialistici. Vediamo come funzionano nel dettaglio e cosa è emerso da un recente studio finalizzato a valutarne l’efficacia.

L’esame del colesterolo è da considerarsi un test biochimico di prima istanza; ciò vuol dire che la farmacia deve garantire degli spazi ad hoc, riservati e distinti rispetto agli altri ambienti: essi devono essere idonei dal punto di vista igienico e sanitario e risultare attrezzati in modo adeguato.
Tali spazi, inoltre, devono consentire l’impiego, la conservazione e la manutenzione degli strumenti e dei reagenti che vengono eventualmente utilizzati in condizioni di sicurezza, come previsto dal decreto del 16 dicembre del 2010 all’articolo 4.

L’analisi senza ricetta in farmacia

Gli esami del colesterolo in farmacia sono un’operazione che si può effettuare senza che vi sia bisogno di una prescrizione medica. L’esame prevede un prelievo di sangue minimo direttamente da un polpastrello e può essere eseguito, al giorno d’oggi, in numerose strutture: si può beneficiare, dunque, del massimo della praticità e di una notevole precisione in riferimento ai test diagnostici in farmacia.

La scelta del dito si basa unicamente sulla comodità dell’operatore e del paziente: per questo si opta per l’anulare o per il mignolo, i cui polpastrelli sono molto morbidi anche perché vengono utilizzati in misura ridotta. Per di più, si tratta di una zona sicura in quanto si sfrutta un sistema che è concepito per bucare unicamente gli strati della pelle più in superficie.

Per chi si chiede se gli esami per il colesterolo in farmacia siano affidabili o meno, è utile sapere che le apparecchiature che vengono utilizzate sono sottoposte a verifiche regolari e vengono calibrate periodicamente, così che possano essere garantite la sicurezza e l’efficienza dal punto di vista del funzionamento. Sempre per assicurare i più alti standard di affidabilità dei risultati analitici, chi usa le apparecchiature, così come chi presta assistenza al paziente, è formato e aggiornato.

Se è vero che un accertamento diagnostico deve rappresentare unicamente un complemento rispetto a una valutazione clinica e non può sostituirsi a essa, a maggior ragione in una condizione di criticità potenziale, è altrettanto vero che gli esami per il colesterolo in farmacia costituiscono comunque un sostegno molto prezioso per l’attività dei medici.

Per di più, devono essere considerati come un sistema di prevenzione di notevole importanza per la popolazione, in modo particolare nel corso degli ultimi anni contrassegnati da un costante incremento di delle patologie cardiovascolari. Varie ricerche nel settore hanno messo in evidenza che i produttori degli apparecchi hanno assicurato un’evoluzione della tecnologia, e dunque analisi aggiornate.

Lo studio italiano sugli esami per il colesterolo in farmacia

Uno studio effettuato con il patrocinio dell’Ordine dei Farmacisti di Padova in collaborazione con il Dipartimento di Medicina del Laboratorio e il Dipartimento di Scienze del Farmaco dell’Università di Padova, ha messo a confronto i risultati conseguiti presso l’UOC Medicina di Laboratorio dell’Azienda Ospedaliera di Padova con quelli ricavati dai dispositivi POCT (acronimo che sta per point-of-care-testing) di diverse farmacie del territorio. In tutto sono stati 106 i pazienti di cui sono stati analizzati i campioni biologici.

Lo studio ha messo in luce dei risultati molto interessanti. Più nel dettaglio, per gli esami del colesterolo in farmacia, ma anche per altri tipi di analisi molto richieste come quelle per i trigliceridi e il glucosio, si sono rivelate soddisfacenti le caratteristiche di prestazione analitica, con risultati simili a quelli derivanti dal laboratorio istituzionale su strumentazione automatizzata.

La normativa vigente è molto severa anche in caso nel verificare il corretto smaltimento dei device impiegati (gli aghi, le strisce reattive, le lancette pungidito, ecc.) e, come accennato in precedenza, la Farmacia deve prevedere l’adeguatezza dei locali in cui viene offerto il servizio di analisi.

Esami per il colesterolo in farmacia: quali sono i benefici?

I vantaggi che derivano dal ricorso agli esami per il colesterolo in farmacia in confronto con i metodi diagnostici tradizionali sono molteplici:

  • la sicurezza, in quanto si tratta di analisi precise e affidabili;
  • la velocità, perché sono sufficienti pochi minuti;
  • la semplicità, perché il prelievo di sangue effettuato sul polpastrello (in precedenza pulito dal farmacista) prevede che la goccia di sangue sia collocata su una striscia che, attraverso dispositivi ad hoc, farà da strumento di analisi.

Se hai paura del dolore o sei particolarmente sensibile non vi sono grandi problemi: questi esami si basano su un’analisi del sangue che viene effettuata su un capillare, proprio per questo motivo risultano del tutto indolori.

Tieni sempre informato il tuo medico

Per quel che riguarda gli esami del colesterolo in farmacia, dunque, va molto bene la diagnosi in farmacia ma a condizione che essa non influisca sul rapporto tra il paziente e il medico e che non venga ritenuta un "surrogato" delle classiche norme di prevenzione, da identificare in un regolare esercizio fisico e in un regime alimentare sano ed equilibrato.

Nel caso in cui siano critici, gli esiti degli esami devono essere necessariamente verificati con il proprio medico: sarà lui a valutare se sia necessario procedere con la prescrizione di ulteriori analisi che dovranno essere effettuate in centri specializzati.

Trova la farmacia più vicina a casa tua per gli esami per il colesterolo!

Le analisi in farmacia e, più in generale, i dispositivi per effettuare analisi fuori dal laboratorio, detti anche POCT (Point of care Test), sono considerati molto utili dai medici, in quanto hanno la capacità di garantire risultati caratterizzati da un alto livello di precisione in tempi rapidi, in modalità poco invasiva e a costo ridotto. Un surplus di benefici non da poco per chi ne usufruisce.

Ciò si traduce in un globale miglioramento della qualità della vita dei pazienti, sia per ciò che riguarda il volume del campione che viene ritirato, sia per il tempo passato nel punto di cura.

Vai sul nostro store locator e trova la farmacia più vicina a te per usufruire del servizio di analisi!

Bibliografia

https://www.nlm.nih.gov/

https://www.quotidianosanita.it/lavoro-e-professioni/articolo.php?articolo_id=67456

http://www.ilfarmacistaonline.it/lavoro-e-professioni/articolo.php?articolo_id=67456