alimentazione

Colesterolo alto: ecco i cibi da evitare

Sai che ci sono dei cibi da evitare per il colesterolo alto? Modificare il tuo stile alimentare potrebbe essere una delle prime contromisure da adottare se le analisi del sangue che hai effettuato hanno rilevato un livello di colesterolo superiore al dovuto. Devi sapere, infatti, che la scelta di specifici alimenti è in grado di stimolare l’eliminazione del cosiddetto colesterolo cattivo, vale a dire il colesterolo LDL: quello che porti in tavola, dunque, si può trasformare in un prezioso alleato per sconfiggere l’ipercolesterolemia.

Quali sono i cibi da evitare per il colesterolo

Anche se per la maggior parte il colesterolo viene prodotto direttamente dal tuo organismo, una parte di esso deriva da ciò che mangi.
Esistono diversi alimenti che sono in grado di influenzare il tuo tasso di colesterolo in senso negativo. Nel novero dei cibi da evitare per il colesterolo, in particolare, vanno menzionati tutti quelli che hanno un contenuto significativo di grassi, come per esempio:

  • le carni grasse;
  • il burro, che contiene 250 mg di colesterolo ogni 100 grammi;
  • il tuorlo dell’uovo, che contiene 400 mg di colesterolo ogni 100 grammi, e ovviamente tutti i prodotti in cui è presente il tuorlo dell’uovo (la pasta all'uovo, per esempio);
  • gli organi degli animali come il cervello, i polmoni, i reni e il fegato;
  • i frutti di mare;
  • gli oli vegetali saturi;
  • i formaggi grassi come il grana, il pecorino e la mozzarella, che contengono 100 mg di colesterolo ogni 100 grammi;
  • i grassi idrogenati;
  • il latte intero e lo yogurt intero (puoi consumare, invece, il latte e lo yogurt scremati o parzialmente scremati);
    gli insaccati con un alto tenore in grassi saturi.

Più nel dettaglio, le carni conservate come gli insaccati dovrebbero essere consumate in misura molto ridotta, se non addirittura evitate, sia per la prevenzione dei tumori che in una prospettiva di prevenzione per la salute del cuore. Secondo le linee guida, sarebbe opportuno rimanere al di sotto dei 50 grammi alla settimana.

Tra i cibi da evitare per il colesterolo ci sono anche le pietanze fritte, gli intingoli, i sughi, i soffritti e il cosiddetto “junk food”, il cibo spazzatura, spesso confezionato, ricco di grassi saturi e calorie eccessive. Non vanno dimenticati, poi, gli zuccheri semplici quali il fruttosio industriale, il saccarosio e il glucosio. Come puoi notare, la maggior parte di questi alimenti pericolosi è spesso presente in tavola: essi finiscono per gravare in modo pesante sulla tua digestione, sul tuo intestino e sul tuo fegato.

Gli alimenti da privilegiare

Una volta visti i cibi da evitare per il colesterolo, vale la pena di conoscere anche gli alimenti che, invece, devono essere privilegiati e che aiutano ad abbassare il colesterolo alto.

Tra gli amici del cuore ci sono, in particolare, i legumi, i cereali e le verdure. Nel momento in cui ti accingi a impostare il tuo schema alimentare, pertanto, privilegia l’assunzione di questi alimenti di origine vegetale, ma senza escludere il pesce. Se hai problemi di colesterolo alto, puoi mangiare il pesce non meno di due o tre volte alla settimana, approfittando della speciale composizione del suo grasso: l’importante è che non si tratti di pesce fritto, mentre vanno bene le cotture al vapore, quelle al cartoccio e quelle alla griglia. Solo per i crostacei e per i molluschi devi limitarti a una porzione alla settimana.

I legumi dovrebbero essere mangiati tra le due e le quattro volte alla settimana, in quanto essi contengono steroli vegetali e fibre che consentono di mantenere il colesterolo sui livelli più opportuni. Ogni giorno, poi, dovresti consumare un paio di porzioni di frutta e almeno due o tre porzioni di verdura: si tratta di alimenti che diminuiscono le calorie e che riducono il rischio cardiovascolare per effetto degli antiossidanti e delle vitamine che contengono.

Anche le mandorle fanno bene perché hanno un indice glicemico contenuto: esse garantiscono un notevole carico energetico, quindi modera le quantità ma consumale con regolarità. Ogni giorno, quattro o cinque mandorle sono più che sufficienti per il tuo benessere. È stato dimostrato che mangiare due mandorle dopo pranzo e due mandorle dopo cena assicura un apporto di calcio e di ferro ottimale e al contempo migliora il controllo del colesterolo.

Come condire i cibi per ridurre il colesterolo

Prendendo in esame i cibi da evitare per il colesterolo dovresti fare attenzione anche ai condimenti. Tieni presente che il colesterolo può essere ridotto grazie ai grassi insaturi mentre aumenta per effetto di quelli saturi, che sono di origine animale. Nella tua dieta puoi inserire l’olio di oliva extra vergine, che rientra tra gli oli vegetali, mentre dovresti evitare lo strutto, il lardo e il burro. L’olio di oliva è un alleato eccellente per diminuire il colesterolo LDL: protagonista della cucina mediterranea, dà sapore a tutti i tuoi piatti. Quando lo acquisti, però, bada al tipo di lavorazione e alla provenienza del prodotto.

I metodi di cottura più salutari

Come detto, le fritture devono essere evitate, a prescindere che si utilizzi la friggitrice o una normale padella. Viceversa, dovresti privilegiare tutti i metodi di cottura che escludono la presenza di grassi aggiunti: vanno bene la grigliatura e la cottura al microonde, ma anche la cottura a vapore e la bollitura.

Adotta uno stile di vita adeguato

In tutto il mondo ogni anno sono più di 17 milioni le persone che muoiono a causa delle malattie cardiovascolari.

Per prevenire queste patologie e l’ictus è sufficiente apportare delle modifiche al tuo stile di vita: seguire una dieta equilibrata, svolgere attività fisica con regolarità e non fumare.
Con la supervisione del tuo medico dovresti tenere sotto controllo eventuali malattie di cui soffri, come il diabete mellito o l’ipertensione arteriosa.

Diagnosi e analisi del colesterolo alto: puoi farlo in farmacia!

Un semplice esame del sangue basta per diagnosticare il colesterolo alto: per svolgerlo puoi recarti in qualsiasi centro diagnostico. Se vuoi conoscere in pochi minuti il valore del tuo colesterolo e dei trigliceridi hai anche la possibilità di svolgere un’analisi del profilo lipidico attraverso un prelievo capillare a cui ti puoi sottoporre in farmacia.

Vai sul nostro store locator e trova la farmacia più vicina a te per usufruire del servizio di analisi!

Bibliografia

http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_1097_allegato.pdf

https://medlineplus.gov/lab-tests/cholesterol-levels/

www.epicentro.iss.it/colesterolo/

https://www.onlinejacc.org/sites/default/files/additional_assets/guidelines/Prevention-Guidelines-Made-Simple.pdf